CulturaFuoriPorta. Castello di San Pelagio il luogo segreto, mistico e ardente

«Ecco il luogo altissimo, ecco il luogo profondissimo dove io abito, ecco il luogo segreto, mistico e ardente, dove io respiro.» – Gabriele d’Annunzio su San Pelagio –

Il Castello di San Pelagio si trova nel comune di Due Carrare, nella provincia di Padova.

Questa particolare dimora storica sorge su un precedente sistema difensivo voluto dai Da Carrara, Signori di Padova, la cui presenza è oggi testimoniata dalla torre merlata che è stata inglobata nelle successive costruzioni. Il Castello ha avuto diversi proprietari, circa nel 1700 la famiglia dei Conti Zaborra lo acquista e da allora importanti furono i lavori di restauro e ampliamento dell’edificio che oggi è conosciuto anche come Villa Zaborra, inserita nel circuito delle Ville Venete.

Il 29 giugno 1917 la famiglia Zaborra sottoscrive un contratto con l’Esercito Italiano al quale concede in affitto alcuni spazi della villa. Sui terreni agricoli viene costruito il Campo di Volo, gli hangar, i magazzini, e proprio da qui Gabriele d’Annunzio decolla per raggiungere Vienna e lanciare migliaia di volantini inneggianti la pace. Al primo piano della dimora vengono riservati al poeta-soldato degli appartamenti, oggi interamente visitabili.

Le stanze dannunziane sono state allestite secondo fonti d’archivio. Tutto sembra essersi fermato nel tempo, durante la visita si osservano gli arredi antichi, gli arazzi, i grandi tappeti, i mobili in legno intagliato che mostrano i ricordi di vita e di volo di D’Annunzio, come l’amato cappotto in pelle indossato in molte occasioni o la divisa invernale da generale di divisione aerea. Viene approfondita la sua celebre impresa del Volo su Vienna ricordando gli eventi e facendo attenzione agli spazi e ai reperti del luogo dove è stata progettata e realizzata.

Nelle due ali del Castello di San Pelagio si sviluppa Il Museo del Volo, inaugurato nel 1980 dall’attualeContessa Ricciarda Avesani insieme al padre Alberto, in onore delle vicende aviatorie che si sono intrecciate con quelle familiari.

Attraverso sezioni tematiche, il museo ripercorre le principali tappe dell’uomo alla scoperta del cielo e dello spazio. Il racconto ha inizio dai miti greci, ricorda i grandi scienziati e i visionari delle diverse epoche con i relativi mezzi volanti: mongolfiere, dirigibili, idrovolanti, aerei… Il visitatore riesce a immedesimarsi nella storia osservando le rappresentazioni di modelli in scala, reperti originali, narrazioni video e per i più curiosi vi sono anche percorsi approfonditi tramite QR CODE.

Il Parco Storico del Castello fa parte del circuito dei Grandi Giardini Italiani. Si compone del Giardino di Rappresentanza che ospita più di 1000 piante di rose, è possibile continuare la passeggiata lungo il viale di Carpini secolari per raggiungere due labirinti, la ghiacciaia e il laghetto, infine non può mancare il Giardino Segreto con un’antica vasca termale e lo spazio attrezzato per un perfetto picnic.

Per informazioni: https://www.castellosanpelagio.it/

Instagram: castellodisanpelagio

Facebook: Castello di San Pelagio

Chiara Varetto

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...