I falsi di Botkin

Quattordici degli oltre 200 smalti del Museo Statale Georgiano di Belle Arti di Tbilisi una volta erano parte della collezione dell’artista di San Pietroburgo Mikhail Petrovich Botkin (1839-1914). Dopo la sua morte e la Rivoluzione d’Ottobre (è la fase finale e decisiva della rivoluzione russa iniziata in Russia nel febbraio 1917, che portò alla caduta dell’impero russo degli zar), la collezione passò nelle mani dello Stato, e, pochi anni dopo, la maggior parte degli smalti della collezione sono stati venduti all’estero. Alcuni, tuttavia, ritenuti di origine georgiana, sono stati mantenuti e restaurati a Tbilisi nel 1923, si dice su iniziativa del Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista, un georgiano di nome Iosif Vissarionovic Jugashvili (1879- 1953), meglio conosciuto come Stalin.

Più di un decennio fa, in un articolo sugli smalti dell’allora collezione Botkin, si è sostenuto che oltre 150 di loro, di cui non si conoscevano le storie, erano stati fatti tra il 1892 e il 1911 dal lavoro di artigiani in nero di Fabergé o altri laboratori San Pietroburgo o da studenti di talento della scuola di Stieglitz per le arti applicate e artigianato in città. L’argomento è stato basato su metodi storico-artistici di vecchia data: un rigoroso confronto degli smalti con esempi incontrovertibilmente bizantini, e il riconoscimento d’indizi iconografici ed epigrafici che puntano alla Russia e d’indicazioni tecniche e stilistiche di una data intorno al 1900.

Il terminus post quem 1892, è stata fornita dalla pubblicazione della grande opera di Kondakov sugli smalti bizantini, non solo perché non conteneva alcuna menzione di loro, ma anche perché le sue tavole a colori sono state grande fonte d’ispirazione per i falsari. L’ante terminus, 1911, era la data di pubblicazione della raccolta di Botkin, che conteneva gli smalti in questione, catalogandoli dal IX al XII secolo bizantino. Circa sette anni dopo The Independent pubblicò un articolo con la storia di una confessione scoperta tra le carte del capobottega di Fabergé, Franz P. Birbaum. Nel 1916 Piotr Nikolaevich Popov, un artigiano impiegato da Fabergé, aveva ammesso il suo coinvolgimento nella produzione di oltre un centinaio di smalti della collezione Botkin. La confessione è stata pubblicata nel 1997. Gli smalti erano stati effettivamente realizzati a San Pietroburgo tra il 1892 e il 1909. Stepan lurevich Sabin-Gus, un fotografo della società, aveva architettato la produzione. All’inizio del ventesimo secolo Sabin-Gus è stato colto in flagranza di furto in chiese georgiane: ciò che aveva particolarmente attratto il suo interesse erano gli smalti georgiani.

Per approfondire…

David Buckton, “Stalin and Georgian enamels”, in Eastern Approaches to Byzantium, Aldershot, 2001, 211-218.

Serena Blasi

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...